Get a site

All Posts from September, 2007

Due piccioni con una fava

September 14th, 2007 | By benty in Senza categoria | 2 Comments »

1) Calderoli "Istituiamo il maiale day"

2) Berlusconi "Tutti in piazza il due dicembre per il partito delle Libertà"

Si potrebbero svolgere benissimo insieme le due manifestazioni, con notevole risparmio di soldi, tempo e lo sforzo comune premierebbe anche l’esito organizzativo

 +  =

Dichiarazione congiunta di Calderoli e Berlusconi

"Il due dicembre tutti in piazza per il Partito della Libertà: sarà il primo MAIALE DAY"

Poi venitemi a dire che non gli si vuole bene. Al maiale (l’ultimo a destra, per la precisione)

Grillo, V-day varie ed eventuali

September 12th, 2007 | By benty in Senza categoria | 6 Comments »

E chi sarei io per tirarmi fuori dal dibattito del momento? Ma soprattutto a chi gliene fotterebbe di leggere un mio post a riguardo, che già in rete ce ne sono millemila? Per quanto mi concerne sottoscrivo pure i punti e le virgole di quello che dice qui Daniele Luttazzi (tranne che Dario Fo il passo verso la politica ha provato a farlo e gli è andata male, candidandosi come sindaco di Milano)

Tags:

Tragedie Greche omaggia il Maestro

September 7th, 2007 | By benty in Senza categoria | 3 Comments »

Due sobrie copertine pescate a caso fra le cento prime pagine utilmente pubblicate da La Repubblica per onorare degnamente la memoria del grande Pavarotti e una dalla Gazzetta di Modena (via Piste), con qualche bisogno di ripasso degli aggettivi possessivi. (Quando i miei studenti fanno errori del genere li fucilo, a meno che non siano come le signorine desnude)

Tags:

Lutti dei giorni nostri

September 6th, 2007 | By benty in Senza categoria | 4 Comments »

Ieri peri’ il re degli’imitatori

vittima di giudici rubacuori

oggi si piange il dio dei tenori

me lo ricordo anche fra gli evasori

che se ne vanno sempre i migliori

e infatti volendo vederla da fuori

Bondi e’ ancora vivo

 

Tags:

La voglio candidata alle primarie del PD, SUBITO !

September 4th, 2007 | By benty in Senza categoria | 19 Comments »

Per il primo video mai pubblicato su questo blog ho atteso l’occasione giusta. E finalmente si è presentata. Questa donna è un genio in termini assoluti. Sostiene di aver conosciuto le gemelle Kappa, quelle di Garlasco. Ma è solo un punto di partenza, un pretesto per presentare il suo manifesto politico. Io l’adoro. Io vi supplico, vi imploro, vi prego, anche se il video è un po’ lungo, guardatelo, statela a sentire, studiatene le pose, le pause, il disinvolto rivolgersi alle masse, le idee lucide, il ragionamento ferreo, quasi gramsciano. Dopodichè divulgatelo, fate catene di blog, attivate un passaparola. Lei è il mio candidato ideale alle primarie, senza se e senza ma. Questo video equivale a quello della discesa in campo di Berlusconi. Dovrebbe essere trasmesso a reti unificate, a blog unificati. Fatelo per me, ma soprattutto per voi e per i vostri figli. Solo grazie a menti così sopraffine potremo finalmente battere la destra. O almeno divertirci. Un giorno mi ringrazierete.

Io intanto ringrazio Dissacration via Speednapolux

update: la nostra candidata del cuore si chiama Deborah Di Nauta, si trova anche su myspace e fra le decine di Tenmagazine col nick di Deborahdin (sito di giovani aspiranti veline autocandidate ma parecchio piu’ sfigate). Quindi potete gia’ esercitarvi a votarla. Fra le altre cose si definisce musicista di professione. Ora sappiamo a chi si riferisce quando parla di VERI artisti. I requisiti per una vittoria a mani basse ci sono tutti. Hasta la victoria final.

Questa e’ la storia di uno di loro

September 4th, 2007 | By benty in Senza categoria | 2 Comments »

Ancora una volta tu contro loro. Ancora una volta in fila, presso la DEH (pron. dei’) l’azienda erogatrice di corrente elettrica, per un ennesimo cambio di residenza. Di nuovo la trafila, di nuovo staccare il numerino, di nuovo seduto ad attendere, di nuovo l’arroganza insopportabile delle impiegate allo sportello da affrontare, con pazienza umilta’, rassegnazione e inossidabile spirito di sopportazione. Come mille altre volte, in mille altri uffici, a confrontarti, senza speranze con l’abominevole mostro burocratico ellenico.

Sapete quanto odiose possano essere le persone che arrivano dopo di voi, e che mentre voi fate bravi bravi la fila, vengono chiamate prima, scavalcano tutti, spavalde in modo ingiusto. Ma ovviamente hanno delle precedenze che a voi sfuggono, mostrano una odiosa e offensiva familiarita’, una connivenza con le maledette sportelliste che e’ l’unico motivo per cui VOI siete ancora li’ con le vostre stracazzo di bollette in mano, e loro sono fuori in un attimo, per cui voi siete pronti a farvi umiliare pubblicamente, a farvi spiegare per l’ennesima volta che NO, ovviamente non bastano i documenti che avete portato, occorrono ben altre carte, ben altre deleghe, ben altre scartoffie per ottenere cio’ che si vuole. Qualunque cosa sia.

Ma avete letto bene. Da oggi non parlo piu’ di me. Parlo di VOI.

Io oggi ero uno di quelli che scavalcava la fila i-n-t-o-c-c-a-b-i-l-e. E uscendomene fra mille occhi colmi di invidia e rancore della gente ancora in attesa, salutavo leggiadro cinguettando "Certo cara, grazie mille sei stata gentilissima guarda, ti aspetto a scuola, dai vieni venerdi che facciamo l’iscrizione della tua figliuola, ma si che te lo faccio lo sconto. Buona giornata!"

Dilemmi dell’inquieto dj italiano esule in Grecia a inizio stagione

September 3rd, 2007 | By benty in Senza categoria | 8 Comments »

L’Arabella, la nave bar dove ho suonato questa estate, mi ha dato un brusco benservito, senza tanti complimenti, visto l’imminente volgere al termine della stagione estiva. Allorche’ mi sono settato nella modalita’ "in cerca di un locale dove suonare per l’inverno". Prima scelta obbligata sarebbe il Kika, dove ho passato gli ultimi due anni. Ma sono reduce da una stagione, quella passata, assolutamente deludente da vari punti di vista. Un’opzione abbastanza facile da sperimentare sarebbe provarci al Flou, (da due anni mi promettono che mi faranno suonare) visto che continua a girare voce del dj Kostas in partenza, ormai in procinto di aprire un suo locale. Si libererebbero cosi’ tre (belle) serate, mercoledi’, venerdi’ e sabato. Avrei modo di fare set eclettici, che li’ si ascolta veramente di tutto, ma rischio di rovinare lo splendido rapporto che mi lega al proprietario Lambros (sfinnakia gratis, birre sottocosto, cene assieme ogni tanto), che tanto qualcosa poi succede sempre se ci entri in affari e poi lo sai che ti vogliono bene solo finche’ sei cliente. L’altro pensiero che mi gira in testa da un po’ era che invece forse avrei proprio bisogno di un cambio. Un salto di categoria forse, un’autopromozione. Questo significherebbe andare a a bussare alle porte dei bar piu’ quotati della ciudad (Berlin, Residents, Lucky Luke, It’s only), posti dove pagano bene, la gente balla e apprezza. Ma non ho agganci di nessun genere di cui valermi per entrare in contatto coi gestor (cioe’, in uno potrei raccomandarmi al fidanzato della mia ex, ma non mi pare – come dire – il caso). Che faccio, lascio il curriculum? Il biglietto da visita (che non ho, peraltro)? Un cd promo? Diciamo pure che queste sono piu’ che altro velleita’, che tanto conoscendomi so che la faccia per andare a chiedere un posto di lavoro, tutt’ora mi manca. Che mi chiamino loro, tse’. Oppure potrei fare una scelta a meta’ fra le precedenti, puntando su locali di seconda fascia, (Ekkentron, Babel, Taksidiotis, Yardtrip) sempre in centro, dove scambiare due chiacchiere con chi comanda non e’ cosi’ impossibile, basta farci serata una o due volte.

Se per meta’ settembre non ho un accordo mi sa che mi aspetta una sofferta stagione da disoccupato.