Crea sito

All Posts in the ‘Senza categoria’ Category

Bollani

maggio 24th, 2011 | By benty in Senza categoria | No Comments »

Io non capisco niente di jazz, o di classica o di house, o di molti altri generi musicali se è per questo. Che poi se penso ai pochi generi di cui credo di saperne qualcosa mi viene da ridere per quanto non se so assolutamente niente. Ma tutto ciò non importa molto davanti a musicisti come Bollani. Per goderti Bollani non hai bisogno di sapere o capire di musica. Bollani è uno di quelli che "gli viene facile". Vederlo suonare il piano mentre viene percorso da scosse che gli partono da tutto il corpo, è la cosa più naturale del mondo e come molte cose naturali che vedi per la prima volta, è uno spettacolo struggente. Bollani è un meraviglopso guitto, scompone canzoni e le riassembla così da renderne riconoscibili solo alcuni mattoncini, che poi però nasconde, brucia, colora, riesuma, sbatacchia, appende dietro variazioni, divertissement, ci fa dei pallonetti, li camuffa con un paio di pennellate. Questo è stato il trattamento riservato a Dream a Little Dream Of Me e Copacabana, fra le altre. Il suo jazz libero e postmoderno si avvita, si libra, fa capriole, diventa pop, mischia brasile e Goldrake, Besame Mucho, A Taste Of Honey e il tema di Mafalda, cita, accenna si ferma e riparte, trasforma tutto in cose che sarebbe riduttivo chiamare medley. Senza contare che fa una una perfetta imitazione di Jovanotti. Un amico che ne sa parecchio di musiche alte e pianoforti mi ha detto che nell'ambiente dei musicisti classici Bollani è considerato uno che fa roba commerciale, che non ha coraggio/tecnica/testa per suonare la "musica vera". Io dico che ho visto palleggiare Maradona al Flaminio nel 91 e ancora me lo ricordo come una delle espressioni più sublimi e pure di tecnica e genio naturale, una cosa imbarazzante da quanto era bella. Anche se (pure) quella volta tifavo per l'altra squadra.

Record Stor(i)e Day

aprile 12th, 2011 | By benty in Senza categoria | No Comments »

Dice che il sedici aprile si festeggia il Record Store Day, il giorno dei negozi di dischi e quindi si glorificano soprattutto i vinili. La prima cosa che mi viene da chiedervi sarebbe cosa vi hanno fatto di male le (audio)cassette, formato di gran lunga protagonista della mia infanzia e adolescenza e supporto primigenio della pirateria fatta in casa? Ma va bene, stavolta parliamo dei vinili. Tagliamo corto: io di vinili ne ho pochi e quasi tutti di merda. Intendiamoci: il mio amore per il vinile è stato grande. Talmente grande da superare il pur ragionevole desiderio di perdita della verginità. E' una storia per niente lunga: la scelta di fronte alla quale mi trovavo nell'estate dei miei 17 anni era strettamente economica. Con la somma di cui disponevo (racimolata fra regali e lavoretti di basso cabotaggio) non potevo certo scialare. O me ne andavo in campeggio all'estero con gli amici che ci erano già andati l'anno prima tornando a raccontarci mirabolanti gesta erotiche (che per essere delle "prime volte" uno a sentirli ci restava secco) o realizzavo il sogno di un'adolescenza passata sbavando alle spalle dei dj in consolle, ovvero comprarmi un mixer, due giradischi e i primi vinili di orrenda musica commerciale anni 90 (poche storie, se volevi imparare a mixare nel 1990 quella era la musica). Quindi mi fregio (wtf?) di essere fra i pochi casi mondiali in cui il vinile, per l'esattezza il desiderio di imparare a maneggiare vinile, prevalse persino su degli ormoni imbizzarriti da diciassettenne di provincia. Da lì in poi è la solita vecchia storia. Tutte le scarsissime finanze di cui disponevo venivano riversate inusitatamente nell'acquisto di vinile, mix in particolare. Le ore del tempo libero venivano impiegate a vaschettare forsennatamente, ascoltare con attenzione, e provavo a scovare nuovi negozi di dischi -  in particolare quelli specializzati for djs only – in ogni città che mi capitava di visitare (visto che al paisello c'era un solo sfornitissimo negozio). Quello che avvenne poi è che con quella musica smisi, e iniziai a comprare sempre più cd e sempre meno vinili e oggi non posso certo vantare un discoteca invidiabile, a meno che non siate amanti degli Usura, Mephisto e robaccia del genere. Ci ho pure cose tipo il doppio con il best of dei Doors, ma capisco che questa potrebbe addirittura essere considerata un'aggravante, quindi mi fermo qui.

Che fai, reading? Ultimo appuntamento, Schegge di Liberazione

marzo 19th, 2011 | By benty in Senza categoria | No Comments »


 

Ultimo appuntamento con le storie ad alta voce di Che fai, reading? Oggi 19 marzo, presso la bibliteca pubblica di Fabriano, in via Le Conce 76, alle ore 17 circa, molti degli autori leggeranno brani tratti da Schegge Di Liberazione, accompagnati dalle musiche meravijose di Simonerò, Bicio e Chettimar. Tutte le informazioni qui. Dopodiché Roghenroa That's Greek To Me+ 1+1 Many djs al Circolo Arci iil Corto Maltese, via verdi 7, Fabriano

Che fai, reading? Alessandro Bonino e Stefano Andreoli presentano “Spinoza. Un libro serissimo”.

marzo 10th, 2011 | By benty in Senza categoria | No Comments »

Terzo appuntamento con le letture ad alta voce. Stavolta sarà un po' diverso, più dibattito/avanspettacolo che semplice lettura di battute. Interverranno gli ideatori di Spinoza, Alessandro Bonino e Stefano Andreoli, e alcuni fra i loro più stretti collaboratori, fra cui Cristiano "Mix" Micucci e Gaspare "Waxen" Bitetto. 

Venerdì 11 marzo, ore 18.00, sala "Pilati" della Biblioteca pubblica di Fabriano, via Le Conce 76. Seguirà degustazione birre artigianali offerte dall'associazione Nunc Est Bibendum

Che fai, reading? Sabato 5 marzo secondo appuntamento con Sergio Pilu ed Elena Marinelli

marzo 1st, 2011 | By benty in Senza categoria | No Comments »

 

Maggiori informazioni qui

Che fai, reading?

febbraio 26th, 2011 | By benty in Senza categoria | No Comments »

Che fai, reading?

Stasera alle 17 cominciamo con "Che fai, reading?" (nome bagaglinesco di cui mi assumo quasi tutte le responsabilità) cioè il ciclo di letture accompagnate da musica che si terrà presso la biblioteca pubblica "Romualdo Sassi" di Fabriano, a partire da oggi per le prossime 4 settimane. Cominciamo con Giulia Blasi che viene a leggere estratti dal suo libro "Il mondo prima che arrivassi tu" accompagnata alla chitarra da Marco Bonini dei Mamavegas . Qui c'è un assaggio

Siamo anche su facebook in tutti i luoghi e in tutti i laghi ci abbiamo pure il blog nuovo di zecca della sedicente associazione culturale Ikarìa che comunque sempre un po' greci ci sentiamo e un po' isole (e che è sempre meglio che alcolisti anonimi, dove ci avevano indirizzato inizialmente)

Che fai, reading?

febbraio 26th, 2011 | By benty in Senza categoria | No Comments »

Che fai, reading?

Stasera alle 17 cominciamo con "Che fai, reading?" (nome bagaglinesco di cui mi assumo quasi tutte le responsabilità) cioè il ciclo di letture accompagnate da musica che si terrà presso la biblioteca pubblica "Romualdo Sassi" di Fabriano, a partire da oggi per le prossime 4 settimane. Cominciamo con Giulia Blasi che viene a leggere estratti dal suo libro "Il mondo prima che arrivassi tu" accompagnata alla chitarra da Marco Bonini dei Mamavegas . Qui c'è un assaggio

Siamo anche su facebook in tutti i luoghi e in tutti i laghi ci abbiamo pure il blog nuovo di zecca della sedicente associazione culturale Ikarìa che comunque sempre un po' greci ci sentiamo e un po' isole (e che è sempre meglio che alcolisti anonimi, dove ci avevano indirizzato inizialmente)

Altri nomi

febbraio 13th, 2011 | By benty in Senza categoria | 4 Comments »

Non ne parlo, ma mi manchi. E mi manca il casino bello e faticoso, allegro e doloroso che siamo stati. Mi manca quello specchiarsi e trovarsi a perfezione, quel sentirmi a casa da te, che casa mia non eri. Certe cose vanno meglio ora. Certe no anche se dovrebbero, e non abbiamo ancora capito come si fa a trovarne di migliori, ma ho fiducia. Non te l'ho mai detto, ma sei bella da togliere il fiato. E quella bellezza che si vede colorata e riflessa in mille occhi degli altri come in un caleidoscopio, quei frammenti che riconosco come fossero parti del mio corpo, a vederli adesso mi fanno un po' male. Eise panemorfi, na ksereis

Avventi

dicembre 18th, 2010 | By benty in Senza categoria | 1 Comment »

Solito post piuttosto inutile (non che gli altri etc etc) per segnalare alcune cose meritevoli d'attenzione soprattutto per i miei stalker

  • Il Post Sotto L'Albero, se non sapete cos'è ve lo spiega Akille, se volete sapere cos'è lo scaricate da qui.
  • La classifica dei migliori 20 albumdel 2010 di Vitaminic, roba per palati sopraffini. 20-11 e 10-1 con i video e le motivazioni. Dài che imparate qualcosa pure voi.
  • Per capodanno invece se vi va di abballare il Roghenroa ci si vede qui, che la musica la metto io. Il Roghenroa sarebbe questa cosa qui

Roma città aperta

dicembre 4th, 2010 | By benty in Senza categoria | No Comments »

Crea sito web gratis