Get a site

Meanwhile in Greece

11 April 2010 | By benty in Senza categoria

E’ iniziato il processo per l’uccisione del 15enne Alexis Grigoropoulos da parte di un poliziotto in servizio, che fu la scintilla che fece scoppiare in tutta la Grecia gravissimi disordini durati per giorni nel dicembre 2008. Il processo si svolge ad Amfissa, ad alcune centinaia di kilometri da Atene.

L’avvocato difensore dei poliziotti è il celebre Kougias, una specie di personaggio televisivo, ben oltre il limite del ridicolo, un essere umano disgustoso. Vi ricordate l’avvocato Taormina? Ecco, simile ma peggio, uno che basta  sceglierlo come avvocato difensore per confermare i sospetti sulla colpevolezza del cliente. Ha definito tutti i testimoni del delitto come pericolosi anarchici indegni d’essere ascoltati e creduti (appena accettò il caso, col cadavere del ragazzino ancora caldo, gli devastarono l’ufficio, se volete comprendetelo, io lo detesto).

Il testimone chiave, il diciassettenne amico di Alexis che si trovava a fianco a lui al momento della sparatoria, si è rifiutato di deporre, ha scritto una email al padre in cui afferma di non credere nella giustizia, ha scollegato il cellulare e sembrerebbe essere scomparso da qualche giorno in circostanze poco chiare .

La ricostruzione da parte di uno dei primi poliziotti ascoltati dal giudice si è rivelata fasulla.

Mercoledì continuano dopo la pausa pasquale. Vista la situazione di tensione sociale, visto che ora (rispetto al 2008) la crisi morde davvero, la situazione è davvero pesante, ci sono stati rincari enormi e rapidissimi, visti scioperi, proteste in atto, manifestazioni, bombe e attentati, io non ho un buon presentimento e spero davvero di sbagliarmi.

4 Comments on “Meanwhile in Greece”

  1. tenete duro..

     

  2. si fa del nostro meglio. tenete duro pure voi lì che tanto meglio non sembra visto da qui

     

  3. ma no, qua sembra stiamo molto meglio.. al tg2 continuano a proporci servizi su lusso-gioielli-barche-vacanzecaraibiche…dobbiamo stare bene per forza..

     

  4. quello che dico anche io. sono almeno due anni che sento dire che in Italia la crisi è passata. da un anno prima che iniziasse praticamente