Crea sito

All Posts from giugno, 2007

Addirittura !

giugno 29th, 2007 | By benty in Senza categoria | No Comments »

Il nuovo singolo di Manu Chao, gratis. Qui.

Per la cronaca

giugno 28th, 2007 | By benty in Senza categoria | 4 Comments »

Qui siamo al decimo giorno più o meno di temperatura oltre i 40 gradi (punte di 46 in alcune zone, a Salonicco "fortunatamente" siamo sui 42). La Grecia brucia, gli incendi più estesi mai registrati hanno già ucciso una decina di persone oltre a quelli morti per il caldo. Spesso le fiamme raggiungono le centrali elettriche e oggi, per esempio tutto il nord della Grecia è rimasto senza corrente per oltre tre ore. Black-out totale, nemmeno i telefoni hanno funzionato a lungo. Il centro è ancora senza semafori, il traffico in tilt. Poi la corrente è tornata a singhiozzo, e mo ne approfitto per mettervi al corrente (elettrizzante calembour!). L’altro ieri, casualmente avevamo affittato The day after tomorrow, un film apocalittico sugli effetti devastanti del riscaldamento globale, che lì per lì ci aveva fatto abbastanza ridere, ma oggi mica più tanto, a ripensarci. Il problema, come capite, è che ci ho i gamberetti in freezer che mi si scongelano, la cucina (come in tutta la Grecia) è elettrica e quindi non ci posso fare il bel risotto che volevo finchè la corrente non si stabilizza.

Tags:

Sabotage

giugno 25th, 2007 | By benty in Senza categoria | 4 Comments »

Mentre voialtre checche ve ne andate al Mi a Mi, il festival del baci senza lingua, o vi  fate inondare dalle bolle di sapone e dai coriandoli degli I’m from Barcelona con un bel sorriso stampato in faccia, qui in Grecia le cose vanno un po’ diversamente. All’Ejekt festival di Atene una cinquantina di anarchici incappucciati a dovere hanno prima dato fuoco alle auto parcheggiate attorno all’area del concerto, presto avvolta da nuvole di fumo nero, poi sono riusciti a sfondare un’entrata,indi hanno messo in fuga i Beastie  boys a metà concerto, poscia hanno devastato bar, casse e quant’altro, e per finire hanno ferito uno degli Underworld. Poi si chiedono perchè tanti artisti in Grecia non ci vengono mai, o mai più.

Un blog di lotta e di governo

giugno 21st, 2007 | By benty in Senza categoria | 6 Comments »

Premesso che stando così le cose non voterò facilmente per il disgustoso neonato PD, che mi hanno fatto ribrezzo cose come indulto, che detesto vedere a "sinistra" atteggiamenti come il clericalismo spinto o le posizioni prone davanti alla Chiesa, che non dimentico i loschi inciuci fra esponenti del governo, banche e furbetti, che non capisco l’incaponirsi per la TAV, che i Dalemi, i Rutella e i Mastelli omammamia, e che già hanno avviato un vorticoso turbinare dei miei testicoli le voci sui prossimi decreti relativi alle intercettazioni , premesso soprattutto che mi sono stufato di votare questa classe politica solo perchè dall’altra parte c’è l’incubo Berlusconi e allora si vota il "menopeggioturandosiilnaso", premesso tutto ciò devo fare pubblica ammenda. 

Questo governo oltre ai piccoli orgasmi dovuti alle iniziali, timide liberalizzazioni del libertador Bersani (che bello vedere avvocati e notai uccidersi fra di loro, le compagnie telefoniche adirate), ha consentito la diminuzione della disoccupazione ( e senza gonfiare i numeri berlusconianamente), nonchè l’aumento della fatturato delle industrie, ha dato una sferzata decisa alla lotta agli odiosi evasori fiscali (efficace perchè Prodi è stato accolto dalla confesercenti con bordate di fischi, chi se non loro?), e inoltre – dopo sei anni di attesa – sta facendo finalmente un po’ di chiarezza su capitoli oscuri come il comportamento delle forze dell’ordine a Genova, durante il G8 del 2001. E casualmente, ma mi sa non troppo, anche sulla morte di Federico Aldovrandi. Vediamo come va a finire, ma di questi tempi, signora mia, mi sembra già tanto vedere dei tentativi per quanto solo abbozzati. Quindi, eccezionalmente solo per questa settimana, e per la prima volta in quattro anni, questo blog si dichiara moderatamente filogovernativo.

Thessaloniki is burning

giugno 7th, 2007 | By benty in Senza categoria | 15 Comments »

Dice che devo scrivere il solito post commemorativo, che ormai sono quattro anni che imbratto questo posto qui, e bisogna festeggiare. Mah. Dice che è tradizione e che si fa ogni anno. Evabbe’. Ma il fatto è che non mi viene in mente proprio niente di sensazionale. Allora mi sono guardato indietro. E non mi è venuto niente lo stesso.

Il primo anno avevo scritto Associazione blogger anonimi, in cui si prendeva in giro la dipendenza creata dal blog, in particolare all’inizio.

Il secondo anno invece fu la volta di un esperimento di retrofuturo, in cui i blogger avevano preso il potere e 50 anni dopo io, Enver e Enzop ce ne stavamo chiusi in un ospizio per ex blogger dissidenti, mentre tutti gli altri blogger ricoprivano prestigiosi incarichi di governo o simili.

Il terzo anno processai il mio blog per direttissima, condannandolo infine per manifesta e reiterata inutilità.

Per quest’anno avevo pensato all’originalissima idea di fare una riedizione "blog-salonicchese" del pezzo Milano is burning di Frangetta, ma prima il BdD, poi Enver , poi credo anche mia nipote di nove anni mi hanno bruciato su tempo. Nel frattempo l’originale è diventato un insulso tormentone da radiodeejay con la conseguente perdita di smalto, è passato di moda tipo in una settimana, quindi non ha assolutamente piu’ senso farlo. E infatti la pubblico lo stesso. E’ una specie di worst of di questi 4 anni. Fatemi gli auguri (pure se il compleanno del blogghetto era 4 giorni fa) e perdonatemi se mi cito addosso, ma purtroppo ci ho una certa età, anche come blog, sono cose che succedono.


Thessaloniki is burning, Tragedie Greche 4th year edition


Accumulo post

vivo a Fabriano

vado in Grecia

vivo a Salonicco

vivo a
Lisbona

mi bevo una birra, dai un’altra, dai facciamo l’ultima

faccio l’insegnante

faccio l’interprete

faccio
il blogger

faccio
l’imprenditore

faccio il dj

facevo il marketing manager in un’azienda che vendeva fra l’altro gli imprescindibili nodding dogs

facevo il corrispondente per un’azienda di trasporti

facevo il piano B

organizzavo feste
alcolico marchigiane

mi metto la maglietta dei Blonde redhead

non mi tolgo la maglietta dei Sonic Youth

non mi tira il culo perchè Pulsatilla ha scritto un libro che ha venduto un sacco e io no, anzi per me se lo merita proprio

ho delle eiaculazioni precoci

secondo qualcuno mi facevo le seghe

faccio la fila per il sussidio di disoccupazione

faccio la fila per pagare il telefono e l’acqua

prendo l’aereo per tornare in Grecia

faccio l’accompagnatore della gita scolastica a Barcellona

ho l’m-blog

che bravo
Enver 

fa dei post cosi’ intensi

che bravo Scum

che bravo miic

che bravo elRocco

quanto mi manca enzop

che buono il San Simone

io aderisco

io supporto

guardami guardami che non paretecipo mai alle catene di Sant’Antonio

sono
un tipo polemico

uuuuuuh
se sono polemico

critico i greci

critico gli italiani

critico i siciliani

(bestemmio quotidianamente perche’ non riesco a vedere) almeno due concerti al mese

ho messo la musica al Babel

mettevo la musica al Casablanca

mettevo la musica al Kika

mettevo la musica al Cuervo

mettevo la musica al Pulp

metto la musica su una nave

le mie studentesse imparano a bestemmiare in marchigiano

sono un indie blogger

facevo l’erasmus

ho i capelli spettinati, intrecciati, discutibili, ma a trentaquattro anni ancora ce li ho, cazzo

hanno detto che sono un coglione

sono poeta dialettale

sono un folk-indie-singer

non mi piace Berlusconi

per carità vai via con quel Berlusconi

salvo l’Italia da Berlusconi alle ultime elezioni

invece mi piace un sacco la Ratzinger e la sua setta

bevo caffè greci

vieni che ti faccio vedere come si gioca a calcio

ti mando una canzone troppo bella sui carabinieri

questa sera andiamo al bar farnese

andiamo alla manifestazione contro il g8

minchia quanto siamo alternativi

facciamoci un raw power

vincere il mondiale no è da stronzi

mi interessa solo lei

a me piace lo tzatziki

mi piacciono i Grovers e gli Ivellezza, che li conosco solo io e sono le next huge things

che bello eurovision

quanta creatività

che belli gli anni 90

forse perchè ci avevo vent’anni

basta, Ian Brown e John Cale hanno rotto le palle

mi piacciono i traslochi

piuttosto di farne un’altro mi suicido

ci ho le crisi cicliche

mi vedo un film di Tinto Brass

oppure Il signore degli anelli

andiamo al Flou

facciamo un fake

non mi piace proprio affatto la musica che chiamate indie

e soprattutto le blog-ammucchiate

sono troppo commerciali

i miei genitori non mi capiscono

mio papà mi dice solo porco d##

mi sono spezzato la schiena per farti studiare

e tu te ne vai in Grecia

a fare che, dopo cinque anni, ancora non si e’ capito.

Ma io gli rispondo "Se torno poi è un casino, mi tocca cambiare titolo al blog"

Crea sito web gratis