Io tifo Baggio

10 July 2006 | By benty in Senza categoria

Fui profetico, circa un mese fa. Parlai di giocatori coi piedi quadrati, e figuratevi se vincono questi, ahaha, ve lo meritate Gattuso. Vabbe’, il pronostico me l’hanno ricacciato in gola, siamo d’accordo. Sulla squadra pero’ , a mente fredda, non faccio passi indietro. L’Italia ha espresso calcio per circa 30 minuti in sette gare. Un po’ pochino. Passiamo all’analisi dei calciatori.

Totti s-c-a-n-d-a-l-o-s-o, ha dato prova in tutto il mondiale di non essere assolutamente all’altezza della fama che lo accompagna. Inutile quando non irritante. Ha dimostrato anche di non saper vincere con stile, dicendo che non perdonera’ i suoi detrattori nemmeno ora. Spero avra’ la pazienza di rivedersi in cassetta, nelle partite di questo mondiale, senza per questo venire stroncato da un attacco di orchite. Noi sappiamo perdonare a differenza sua.

Del Piero, tolti i supplementari coi tedeschi, e’ simbolo di una squadra che dalla metacampo in su, tutt’ora che abbiamo le mani sulla coppa, mi fa abbastanza tristezza. Spento, stanco anche se entra solo nella ripresa. Solo a sprazzi son venuti fuori questi freschi campioni del mondo, con singole sporadiche giocate peraltro, mai prestazioni rimarchevoli, mai nessuno che sia stato capace di mantenere un ritmo decente per una gara intera. Chiaro che il Ghana non conta. Lo stesso Pirlo non e’ stato sempre determinante.

La difesa e’ stata monumentale, quello si, non si discute. Anche se purtroppo Cannavaro (quello delle flebo e delle proteste contro la giustizia sportiva) e Buffon oltre a giocare a calcio tendono a esprimere delle idee. Una di quelle espresse da Buffon era "boia chi molla" mi pare.

Ma i vari Camoranesi, Perrotta, Toni, non valevano tecnicamente le nazionali di Paolo Rossi, ne’ quelle di Baggio. Il simbolo di questa nazionale sono i vari Gattuso, Grosso (lui una sorpresa, si) gente umile, di fatica, anche simpatica alla fine. Ma nulla a che vedere con la poesia espressa in campo da Roberto Baggio. In quel mentre, col divin codino a seminare avversari con leggiadria, a discapito di un governo a me inviso, avevo dentro un certo qual timido orgoglio italico che affiorava a tratti. Come si puo’ andare moderatamente orgogliosi della propria storia, della propria cultura. Io tifero’ sempre per il Baggio triste di Pasadena, quello del rigore sopra la traversa.

E poi questa e’ l’Italia di Materazzi. Uno che, da vero uomo, da’ del terrorista a Zidane – se la versione del Guardian verra’ confermata (update)-. Uno che a Zidane non sarebbe degno di lucidargli i tacchetti. Se ve la sentite di essere rappresentati da Materazzi, uno che invoca la giustizia divina a spiegazione del suo gol (d’altronde l’irrazionale, cosa altrimenti?), un  razzista ignorante (se i fatti verranno confermati), uno che rappresenta l’antitesi del calcio (anche senza conferma dei fatti di Berlino), accomodatevi. E gia’ che ci siete cominciate pure a invocare l’amnistia insieme a Mastella e ai democristiani per Juvemilanlazio. Il sistema Moggi ha creato questi campioni del mondo. Luciano santo subito.

3 Comments on “Io tifo Baggio”

  1. camoranesi – pirlo – gattuso – perrotta vs. nicola berti – dino baggio – albertini – signori (evani?!).

    Ma come fai a dire che le nazionali di baggio escluso lui erano meglio?

    marco

     

  2. Dovessi sentirmi critica potrei anche darti ragione. Ma siccome l’unica cosa che sento ora √® l’enorme felicit√† di veder vincere il mondiale dagli azzurri… posso dire solo “W L’ITALIA, grandi tutti, fantastici, vi voglio bene!!!” Per una volta che siamo stati baciati dalla fortuna non troveremo mica il coraggio di lamentarci ancora?!?!!?

     

  3. credevo in lei, e volevo domandarle un terno secco da giocare sulla ruota di Napoli.

    Facciamo un’altra volta, magari.